Metafora e linguaggio

Per Lakoff (studioso americano degli aspetti cognitivi del linguaggio) e Johnson (Professore di Arti liberali nella Facoltà di Filosofia dell’Università dell’Oregon) metafora significa non soltanto il meccanismo fondamentale per ciò che riguarda il linguaggio quotidiano, ma qui molto di più: la corteccia, la base fondante dello stesso funzionamento del processo di conoscenza.

Per parlare, e di conseguenza per pensare, noi facciamo obbligatoriamente la scelta di adottare meccanismi e modalità metaforiche: la metafora è lo strumento linguistico che meglio di qualunque altro esprime la nostra interazione corporea col mondo esterno. Allora, pensiero e linguaggio sono definiti, e condizionati, dalla nostra struttura percettiva; non è possibile incontrare un pensiero e un linguaggio disincarnati e privi di gesti metaforici, nemmeno nel quotidiano.

Nota. Estratto dal mio libro La metafora.
Gli estratti dai libri soffrono di un’enucleazione dal contesto che non sempre riesce a mantenerne il significato compiuto: a maggior ragione in un libro che disserta di filosofia e poesia. Ho comunque deciso di sfidare questo limite, auspicando che questo estratto possa motivare il lettore ad approfondire l’argomento nel libro.

L’immagine in copertina “Penetrare una dimensione parallela” è una mia fotografia simbolica.

Lascia un commento