Herzegovina – 3

Concludo le riflessioni fatte in occasione del viaggio in Herzegovina, reisalendo la Neretva, con due pensieri ed una poesia.

 

Sorprese e battaglie dentro al sole vigliacchi e giorni in file distanti dal volare di rondini nascoste sotto tetti di pietra assicuro le corde vince la frescura del lago immerso o voltato nel marmo di fiochi sguardi assurde pesanti le parole via via dal mondo adesso.

 

Subito l’alba ed altre albe, mentre salgo sembra un posto già visto e già ascoltato. È il silenzio che ascolto, ritirato nella frescura arriva dal giorno tardo, portatore esperto di domande. Scende il fiume, non visto, e il ponte non conta.

 

tombe

Bogomili

Sarcofagi pitrei

un poco nascosti

su basi di cieli

smorzati nella domanda

avvolti nei verdi

di quelle domande

su basi di legni

di sangue

e facce di uomini.

 


Le precedenti riflessioni sul viaggio:
Herzegovina – 1
Herzegovina – 2

Lascia un commento